fbpx
Ordina per
Show

Scarpe antinfortunistiche S3: guida all’acquisto on line

Scarpe antinfortunistiche S3 – Scegliere un buon paio di scarpe da lavoro non è sempre facile, soprattutto per i meno esperti, che non sanno quali sono i fattori principali su cui essere del tutto intransigenti o quali sono le calzature più adatte al proprio mestiere.

Se è questo il tuo caso, sei al posto giusto nel momento giusto, perché qui di seguito troverai una guida al dettaglio, che risponderà a tutte le domande più gettonate quando si parla scarpe antinfortunistiche e in generale, di sicurezza e protezione individuale a partire dalla suddivisione in base alle classi, fino ai migliori modelli sul mercato secondo gli utenti.

 

A cosa e per chi servono

Le scarpe antinfortunistiche sono indispensabili per tutti i lavoratori che operano in ambienti particolari.

È per questo motivo che sono imprescindibili per la maggior parte dei mestieri come quello dell’elettricista, ad esempio per proteggesi da scariche elettriche.

Lo steso discorso vale per diverse classi operaie: che si tratti di magazzinieri, meccanici o di addetti alle fonderie, i rischi legati alla caduta di oggetti pesanti, riguarda tutti.

Durata

La durata delle scarpe da lavoro è un fattore che molto spesso è legato alla marca e al costo della stessa.

Con questo, non si intende proporre una cifra esorbitante, ma in realtà, una calzatura con un costo moderato è una garanzia in più, perché cela un altrettanto costo di produzione, che avrà visto l’impiego di materiali di alta qualità.

Questi, considerando una determinata provenienza e/o manifattura di un certo livello, non possono di certo avere prezzi del tutto stracciati.

Ma, se è di alta qualità che si parla, l’affrontare un piccolo investimento iniziale a favore della durata della scarpa stessa, non peserà più di tanto sul proprio bilancio.

In genere, una scarpa da lavoro valida ha una durata media che va dai 6 ai 12 mesi: tuttavia, questo non è un valore fisso e dipende da diversi fattori, come le condizioni di lavoro, l’utilizzo ecc…

In ogni caso, quel che è certo è che una durata del genere non è niente male, considerando che si trascorre gran parte della giornata sul posto di lavoro.

Infine, è importante ricordare che per una buona manutenzione e un corretto utilizzo delle scarpe antinfortunistiche è necessario:

  • pulirle regolarmente
  • verificarne periodicamente l’integrità della suola e della tomaia
  • sostituire in toto la scarpa dopo un evento traumatico

Classi di sicurezza

Le scarpe antinfortunistiche, ormai già presenti da diversi anni sul mercato, si sono diffuse ampiamente soprattutto negli ultimi tempi, tanto da proporre sempre più differenziazioni, in particolare anche in base alle diverse classi di sicurezza. Queste si distinguono in:

  • SB
  • S1
  • S1P
  • S2
  • S3

Proseguendo con la lettura, spiegheremo le caratteristiche di ciascuna classe.

Scarpe antinfortunistiche SB

Le scarpe antinfortunistiche definite “basic” sono particolarmente adatte a baristi, operanti in laboratorio, aziende farmaceutiche o industrie alimentari, perché sono in grado di:

  • scongiurare scivolamenti in caso pavimento umido
  • evitare scivolamenti in caso di caduta di liquidi
  • proteggere dall’eventuale caduta di oggetti

Scarpe antinfortunistiche S1

Le calzature da lavoro S1 rappresentano la soluzione ideale per falegnami, magazzinieri, meccanici, imbianchini ed elettricisti e sono:

  • dotate di shock absorber (assorbimento d’energia) nella zona del tallone
  • antistatiche
  • chiuse posteriormente
  • dotate di suola antiscivolo

Scarpe antinfortunistiche S1P

Le scarpe da lavoro S1P si classificano come le più vendute in Italia e sono altrettanto idonee per meccanici, artigiani, falegnami, ma anche per gli idraulici, purché sia integrato il codice SRC che ne conferisce la capacità antiscivolo.

A livello tecnico, presentano le stesse caratteristiche delle S1, con la sola aggiunta della:

  •  suola antiperforazione

Scarpe antinfortunistiche S2

Particolarmente adatte a chi svolge mansioni all’eterno, anche le scarpe antinfortunistiche S2 presentano tutte le caratteristiche delle S1, con l’aggiunta della:

  • tomaia idrorepellente in grado di proteggere per 60 m
  • NO suola antiperforazione

Scarpe antinfortunistiche S3

Le calzature con classe di sicurezza S3 offrono un altro grado di protezione: non a caso, nella maggior parte dei casi si tratta di scarpe alte fino alla caviglia. Sono ideali in settori come quello dell’’ edilizia, agricoltura, officine e così via… Inoltre sono dotate di:

  • puntale protettivo
  • suola antiscivolo e shock absorber
  • soletta antiperforazione

Tra le scarpe da lavoro presenti sulle pagine di Westrose, riuscirai certamente ad individuare il modello che più ti si addice. Scopri la Guida alle normative di sicurezza >>>

× Posso Aiutarti?